Il video della scorsa settimana di Have a Break conteneva al suo interno alcune considerazioni sulla Costituzione Italiana e sul Teorema di Pitagora riletto in chiave evangelica. Ebbene quel video ha una imprecisione! Vi sfido a scovare l’errore. Come aiuto per individuarlo offro due indicazioni: lo svarione riguarda la geometria e non la legge; inoltre i soli a farmelo notare, il che non è detto che siano stati gli unici ad accorgersene, sono stati due sacerdoti. Bene che la sfida abbia inizio e che vinca il migliore!

A proposito di sfide e di competizioni, ho sempre apprezzato poco la frase L’importante non è vincere, ma partecipare. Mi dispiaceva prima ed ora ancora di più da quando aprire una frase con il negativo della negazione “non” e continuare con un “ma” sono diventati per il sottoscritto una sorta di tabu “letteralmente esistenziale”. Il gioco è fatto per vincere! È questo lo spirito con cui entravo in campo per iniziare una partita di calcio o per altre attività sportive in giovane età; l’inno avrebbe potuto essere l’aria Nessun dorma di Puccini nella Turandot Vincerò …

A questo punto introduco il dubbio metodico cartesiano. Nel video della scorsa settimana citavo Pitagora, questa volta faccio riferimento ad un altro illustre nome nel mondo della scienza/filosofia, appunto René Descartes. Il gioco ha come suo fine la vittoria? E quindi ha nella competizione, nella sfida il suo svolgersi? Il gioco nel mondo animale, e quindi anche nella sfera umana visto che l’uomo è stato definito “animale razionale” (sull’animale ci siamo, sul razionale ho razionalmente qualche dubbio… sempre a proposito del dubbio metodico), ha come finalità l’apprendimento e quindi prepara alla vita/maturità. Su questa premessa, propongo la seguente proporzione con un’incognita “il gioco sta alla competizione come la vita sta a x (incognita)”, dove la x è storicamente traducibile in “sfida”, che poi ha nel potere, conquista, sopraffazione ecc. dei sinonimi, i suoi alter ego.

E se così non fosse (dubbio metodico)? Se il gioco e la vita avessero un’altra finalità? Questo perché la vita ha ed è in grado di assume un orizzonte, e quindi una direzione, bello e positivo, diverso da quello che ho appena delineato legato alle parole competizione/sfida! Meditiamo in modo esistenziale… che rotta ha assunto la mia vita a livello concreto, quotidiano, pratico? Mi concentro sulla proporzione esistenzialmente vitale, lasciando da parte, mettendo tra parentesi per un istante, la teorizzazione distaccata e disincarnata.

In conclusione, ringrazio in primis don Alberto che appena ricevuto il video della scorsa settimana mi ha comunicato l’imprecisione; e don Gianfranco che pure ha scoperto l’errore e me l’ha fatto notare. Ringrazio Marcello che indirettamente mi ha dato lo spunto per il video di oggi. Alla prossima settimana per un altro break con Have a Break.

Newsletter

Per restare aggiornato, iscriviti alla Newsletter.

    OK Privacy policy I have read the Privacy statement and I consent to my personal data being used for the purpose of receiving the Newsletter.

    WhatsApp

    Per ricevere le comunicazioni della Chiesa del Carmine ed essere aggiornato, scrivici con WhatsApp.

    WHATSAPP

    Cliccando sul pulsante WhatsApp autorizzi la Chiesa del Carmine – Milano ad avere il tuo numero di telefono registrato sull’applicazione WhatsApp al fine di ricevere informazioni ed aggiornamenti in merito all’attività e agli eventi organizzati dal Titolare. Informativa sulla privacy