Alla sfida lanciata nel video della scorsa settimana, hanno risposto alcune persone. Tra queste, due donne hanno individuato l’imprecisione: coincidenza che siano state proprio due donne ha fornire la risposta corretta? Oppure c’è una ragione e quindi non è un caso?

Non potendo lavorare su un campione significativo passo ad un libro significativo, anzi in un certo senso “normativo” (almeno per i cristiani): l’Evangelo. Ebbene nei vangeli le donne fanno generalmente una buona figura e gli uomini spesso e volentieri una “magra” figura. Alcuni esempi presi dall’evangelista Marco andando come in gamberi a ritroso: le donne sono le prime testimoni della tomba vuota e portano l’annuncio ai discepoli (Mc 16, 1 ss); presso la croce di Gesù c’erano alcune donne che osservavano da lontano: Marco addirittura ne nomina alcune per nome (Mc 15, 40-41). E gli uomini che fine avevano fatto? C’è l’episodio potente dell’unzione di Betania (Mc 14, 3-9); un altro racconto di una semplicità e bellezza sbalorditiva: la vedova bisognosa che getta due spiccioli nel tesoro del tempio (Mc 12, 41-44). È un caso che tendenzialmente nell’Evangelo le donne facciano una bella figura, mentre gli uomini una pessima figura? Basti pensare ai 12 apostoli scelti e “prediletti” da Gesù … tra loro Pietro che rinnega e Giuda che tradisce.

Quali doni, doti, atteggiamenti, capacità posseggono le donne che fanno sì che siano avvantaggiate rispetto al mondo maschile negli Evangeli? Non occorre essere degli storici esperti o degli studiosi acuti del genere umano per arrivare ad affermare che le qualità di forza e potenza e successo sono molto spesso al centro dei “grandi” avvenimenti umani. L’Evangelo propone dal canto suo una rivoluzione Copernicana, mettendo al centro la realtà e i valori che sono da sempre al centro e che noi spesso ignoriamo o per ottusità (o per interessi) non vogliamo vedere, e cosi Galileo finisce di nuovo sul banco degli imputati. Si tenga presente che la rivoluzione evangelicamente copernicana è ben lontana da quella pianificata e realizzata in Animal Farm di George Orwell. Ci sarebbe veramente tanto da ridere sulla nostra ottusità e miopia se non ci andassero di mezzo le vite delle persone: le nostre e quelle degli altri… con conseguenze spesso serie e non di rado devastanti, come nel caso di Auschwitz.

Newsletter

Per restare aggiornato, iscriviti alla Newsletter.

OK Privacy policy Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini dell’invio delle Newsletter.

WhatsApp

Per ricevere le comunicazioni della Chiesa del Carmine ed essere aggiornato, scrivici con WhatsApp.

WHATSAPP

Cliccando sul pulsante WhatsApp autorizzi la Chiesa del Carmine – Milano ad avere il tuo numero di telefono registrato sull’applicazione WhatsApp al fine di ricevere informazioni ed aggiornamenti in merito all’attività e agli eventi organizzati dal Titolare. Informativa sulla privacy