Vedendo i video di Have a break oppure anche altre produzioni della Chiesa del Carmine probabilmente si pensa poco al lavoro che c’è dietro: concentrandosi sul davanti, rimangono meno energie per guardare il dietro… le retrovie, i retroscena dove la realtà si srotola, e spesso si ingarbuglia, ricevono meno attenzione del palcoscenico, che quindi sembra essere la realtà. È la realtà che vediamo, e che spesso immaginiamo o sogniamo, non la realtà che viviamo.

Allo stesso modo i reality show che di reale hanno poco o nulla, per quello che mi sembra di intuire, sono i rappresentanti della vita reale… c’è da domandarsi se tra l’aggettivo (reality) e il nome (show), quale dei due ha più peso. Così come i super eroi senza macchia e senza paura, che diventano i rappresentanti o i modelli dell’essere umano, quando un sano realismo con i piedi per terra ci dice che siamo impastati di fragilità e di parecchie contraddizioni… e che forse l’unico super eroe che la storia abbia visto sia stato un certo Gesù di Nazaret che, secondo gli Evangeli, aveva tutto tranne che del super eroe.

Newsletter

To get updated news, register to receive the Newsletter.

    OK Privacy policy I have read the Privacy statement and I consent to my personal data being used for the purpose of receiving the Newsletter.

    WhatsApp

    To stay in touch and get the latest Carmine Church information, write to us on WhatsApp.

    WHATSAPP

    By clicking on the WhatsApp button you authorize Carmine Church in Milan to register your phone number on its WhatsApp application so you can receive updated information about its activities and events. Privacy policy