La seconda puntata della trilogia, Il bello il brutto e il cattivo, è appunto dedicata al brutto. Inizio con una sorta di ragionamento filosofico: la luce è il principio “assoluto”, la mancanza della quale viene chiamata buio, tenebra, ecc. Mutatis mutandis, è il bello (il positivo) il principio assoluto, la mancanza o la privazione del quale diviene il brutto. Incredibile a dirsi, il creato è tutto bello e affascinante e sorprendente e mozzafiato. Basta leggere la Nazione delle piante di Stefano Mancusoper avere una conferma di quanto ho appena affermato della meraviglia e della infinita sapienza del creato (Si veda anche la Genesi). Il brutto è una caratteristica tipicamente e solamente umana… o meglio delle azioni e dei prodotti del cosiddetto “homo sapiens”. E meglio ancora riprendendo il principio enunciato all’inizio: il brutto è una degenerazione e degradazione della bellezza e bontà intrinseca dell’essere creato che, come seme, ha bisogno di svilupparsi, attuarsi, esplicitarsi, concretizzarsi e esternalizzarsi… in questo processo vitale succede l’inspiegabile: dal seme di bontà sbocciano atti e azioni di bruttezza. Da un bocciolo di rosa ci aspettiamo una bellissima rosa dal profumo inebriante, ed invece putridume.

Newsletter

To get updated news, register to receive the Newsletter.

    OK Privacy policy I have read the Privacy statement and I consent to my personal data being used for the purpose of receiving the Newsletter.

    WhatsApp

    To stay in touch and get the latest Carmine Church information, write to us on WhatsApp.

    WHATSAPP

    By clicking on the WhatsApp button you authorize Carmine Church in Milan to register your phone number on its WhatsApp application so you can receive updated information about its activities and events. Privacy policy