Nel terzo ed ultimo episodio della trilogia, Il bello il brutto e il cattivo, tratto del cattivo. Inizio con un paragone: una partita di calcio. La squadra del positivo – il bello, fa un goal… 1 a 0; la squadra del negativo – il brutto, fa un goal: pareggio. E poi il negativo, il cattivo nei minuti di recupero, segna: la partita si conclude 1 a 2, con la sconfitta del positivo e quindi la vittoria del pessimismo. La vita è così? La storia è andata e va in questa direzione, su questi binari? Qualcuno ha detto “Homo homini lupus” … per inciso: chissà perché per parlare del negativo ci si rifà ai lupi quando la peggiore creatura siamo proprio noi, i cosiddetti essere umani: i lupi sono a confronto dei santi, e non solo il lupo di Gubbio di francescana memoria. Siamo realisti e ammettiamo il risultato della partita: è stato, è e sarà sempre così, punto e fine della storia! Accettiamo la sconfitta… “Eppure si muove!”: disse quella volta Galileo. Eppure, il bello il buono il vero il giusto si prendono l’ultima parola… sono come i tizzoni sotto la cenere… sono come il raggio di sole che spunta dopo la tempesta… sono la mattina della domenica dopo il grido del venerdì ed il silenzio del sabato.

Newsletter

Per restare aggiornato, iscriviti alla Newsletter.

    OK Privacy policy Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini dell’invio delle Newsletter.

    WhatsApp

    Per ricevere le comunicazioni della Chiesa del Carmine ed essere aggiornato, scrivici con WhatsApp.

    WHATSAPP

    Cliccando sul pulsante WhatsApp autorizzi la Chiesa del Carmine – Milano ad avere il tuo numero di telefono registrato sull’applicazione WhatsApp al fine di ricevere informazioni ed aggiornamenti in merito all’attività e agli eventi organizzati dal Titolare. Informativa sulla privacy