2nd Sunday after Pentecost – Year C – Ambrosian Rite


INTRODUCTORY RITES

Processional Hymn

In the name of the Father, and of the Son, and of the + Holy Spirit.

Amen.

The grace of our Lord Jesus Christ and the love of God and the fellowship of the Holy Spirit be with you all.

And with your spirit.

PENITENTIAL RITE

My brothers and sisters, to prepare ourselves to celebrate the sacred mysteries, let us call to mind our sins:

 

You are our peace. Kyrie, eleison.

All: Kyrie, eleison.

You are our Passover. Kyrie, eleison.

All: Kyrie, eleison.

You are our life. Kyrie, eleison.

All: Kyrie, eleison.

May almighty God have mercy on us, forgive us our sins, and bring us to everlasting life. Amen.

GLORIA

Glory to God in the highest, and on earth peace to people of good will. We praise you, we bless you, we adore you, we glorify you, we give you thanks for your great glory, Lord God, heavenly King, O God, almighty Father. Lord Jesus Christ, Only Begotten Son, Lord God, Lamb of God, Son of the Father, you take away the sins of the world, have mercy on us; you take away the sins of the world, receive our prayer; you are seated at the right hand of the Father, have mercy on us. For you alone are the Holy One, you alone are the Lord, you alone are the Most High, Jesus Christ, with the Holy Spirit, in the glory of God the Father. Amen

COLLECT

O God, strength of those who hope in you, graciously hear our pleas, and, since without you mortal frailty can do nothing, grant us always the help of your grace that in following your commands we may please you by our resolve and our deeds. Through our Lord Jesus Christ, your Son, who lives and reigns with you in the unity of the Holy Spirit, God, for ever and ever. Amen.

LITURGY OF THE WORD

READING

A reading of the book of Sirach (18:1-2.4-9a.10-13)

He who lives forever created the whole universe; the Lord alone is just. To whom has he given power to describe his works, and who can search out his mighty deeds? Who can measure his majestic power, or fully recount his mercies? No one can lessen, increase, or fathom the wonders of the Lord. When mortals finish, they are only beginning, and when they stop they are still bewildered. What are mortals? What are they worth? What is good in them, and what is evil? The number of their days seems great if it reaches a hundred years. Like a drop of water from the sea and a grain of sand, so are these few years among the days of eternity. That is why the Lord is patient with them and pours out his mercy on them. He sees and understands that their death is wretched, and so he forgives them all the more. Their compassion is for their neighbor, but the Lord’s compassion reaches all flesh.

The word of God

Thanks be to God.

RESPONSORIAL PSALM Ps 135

Praise the Lord; his love endures forever!

Praise the God of gods; for his mercy endures forever; Praise the Lord of lords; for his mercy endures forever; who alone has done great wonders, for his mercy endures forever. R.

Who skillfully made the heavens, for his mercy endures forever; who spread the earth upon the waters, for his mercy endures forever; who made the great lights, for his mercy endures forever. R.

The sun to rule the day, for his mercy endures forever; the moon and stars to rule the night, for his mercy endures forever. R.

 

EPISTLE

The letter of saint Paul to the Romans (8:18-25)

Brothers: I consider that the sufferings of this present time are as nothing compared with the glory to be revealed for us. For creation awaits with eager expectation the revelation of the children of God; for creation was made subject to futility, not of its own accord but because of the one who subjected it, in hope that creation itself would be set free from slavery to corruption and share in the glorious freedom of the children of God. We know that all creation is groaning in labor pains even until now; and not only that, but we ourselves, who have the firstfruits of the Spirit, we also groan within ourselves as we wait for adoption, the redemption of our bodies. For in hope we were saved. Now hope that sees for itself is not hope. For who hopes for what one sees? But if we hope for what we do not see, we wait with endurance.

The word of God

Thanks be to God.

GOSPEL ACCLAMATION

Alleluia. Look at the birds in the sky, says the Lord; they gather nothing into barns, yet your heavenly Father feeds them. Alleluia.

 

GOSPEL

A reading of the holy gospel according to Matthew (6:25-33)

In that time, The Lord Jesus taught the crowds and said: «I tell you, do not worry about your life, what you will eat [or drink], or about your body, what you will wear. Is not life more than food and the body more than clothing? Look at the birds in the sky; they do not sow or reap, they gather nothing into barns, yet your heavenly Father feeds them. Are not you more important than they? Can any of you by worrying add a single moment to your life-span? Why are you anxious about clothes? Learn from the way the wild flowers grow. They do not work or spin. But I tell you that not even Solomon in all his splendor was clothed like one of them. If God so clothes the grass of the field, which grows today and is thrown into the oven tomorrow, will he not much more provide for you, O you of little faith? So do not worry and say, ‘What are we to eat?’ or ‘What are we to drink?’ or ‘What are we to wear?’ All these things the pagans seek. Your heavenly Father knows that you need them all. But seek first the kingdom [of God] and his righteousness, and all these things will be given you besides.»

The Gospel of the Lord.

Praise to you, Lord Jesus Christ.

 

(the HOMILY follows)

PRAYER OF THE FAITHFUL

Reader: Lord hear us.

All: LORD, GRACIOUSLY HEAR US.

Reader: We all pray together to our Mother

Hail Mary, Full of Grace, the Lord is with thee. Blessed art thou among women, and blessed is the fruit of thy womb, Jesus. Holy Mary, Mother of God, pray for us sinners now and at the hour of death. Amen

LITURGY OF THE EUCHARIST

 

(all exchange a sing of peace)

PREPARATION OF THE GIFTS

Offertory Song

(…)

My brothers, called to take part in the same bread and the same chalice, let us confess our faith in communion with the whole catholic Church.

THE PROFESSION OF FAITH

I believe in one God, the Father almighty, maker of heaven and earth, of all things visible and invisible. I believe in one Lord Jesus Christ, the Only Begotten Son of God, born of the Father before all ages. God from God, Light from Light, true God from true God, begotten, not made, consubstantial with the Father; through him all things were made. For us men and for our salvation he came down from heaven, and by the Holy Spirit was incarnate of the Virgin Mary, and became man. For our sake he was crucified under Pontius Pilate, he suffered death and was buried, and rose again on the third day in accordance with the Scriptures. He ascended into heaven and is seated at the right hand of the Father. He will come again in glory to judge the living and the dead and his kingdom will have no end. I believe in the Holy Spirit, the Lord, the giver of life, who proceeds from the Father and the Son, who with the Father and the Son is adored and glorified, who has spoken through the prophets. I believe in one, holy, catholic and apostolic Church. I confess one Baptism for the forgiveness of sins and I look forward to the resurrection of the dead and the life of the world to come. Amen!

PRAYER OVER THE GIFTS

O God, who in the offerings presented here provide for the twofold needs of human nature, nourishing us with food and renewing us with your Sacrament, grant, we pray, that the sustenance they provide may not fail us in body or in spirit. Through Christ our Lord. Amen.

EUCHARISTIC PRAYER

The Lord be with you.

And with your spirit.

Lift up your hearts.

We lift them up to the Lord.

Let us give thanks to the Lord our God.

It is right and just.

(…)

And so we join the angels and the saints in proclaiming your glory as we sing(say):

Holy, holy, holy Lord. God of power and might. Heaven and earth are full of your glory. Hosanna in the highest. Blessed is he who comes in the name of the Lord. Hosanna in the highest

(remain standing for the CONSECRATION)

(…)

Let us proclaim the mystery of faith.

Christ has died, Christ has risen, Christ will come again.

(…)

Through him, with him, in him, in the unity of the Holy Spirit, all glory and honour is yours, almighty Father, for ever and ever.

Amen.

(The priest takes the host and breaks it over the chalice. He places a small piece of the host in the chalice. Meanwhile the following verse is read.)

Holy Father, keep them in your name that you have given me, so that they may be one just as we are.

RITE OF COMMUNION

Let us pray with confidence to the Father in the words our Saviour gave us:

Our Father, who art in heaven, hallowed be thy name; Thy kingdom come; Thy will be done on earth as it is in heaven. Give us this day our daily bread; and forgive us our trespasses as we forgive those who trespass against us; and lead us not into temptation, but deliver us from evil.

Deliver us Lord, we pray, from every evil, graciously grant peace in our days, that by the help of your mercy, we may be always free from sin and safe from all distress, as we await the blessed hope and the coming of our Lord Jesus Christ.

For the kingdom, the power, and the glory are yours, now and for ever.

Lord Jesus Christ, you said to your apostles: “I leave you peace, my peace I give you”, look not on our sins, but on the faith of your Church, and grant us the peace and unity of your kingdom where you live for ever and ever.

Amen.

The Peace of the Lord be with you always.

And with your spirit.

Behold the Lamb of God, behold him who takes away the sins of the world. Blessed are those called to the Supper of the Lamb.

Lord, I am not worthy that you should enter under my roof, but only say the word and my soul shall be healed.

COMMUNION

Communion Songs

 

PRAYER AFTER COMMUNION

As this reception of your Holy Communion, O Lord, foreshadows the union of the faithful in you, so may it bring about unity in your Church. Through Christ our Lord. Amen.

 

CONCLUDING RITE

 

The Lord be with you.

And with your spirit.

Kyrie, eleison.

Kyrie, eleison.

Kyrie, eleison.

May almighty God bless you, the Father, and the Son, and the + Holy Spirit. Amen.

Let us go in peace.

In the name of Christ.

Recessional Hymn

II DOMENICA DOPO PENTECOSTE – Anno C – Rito Ambrosiano

 

RITI DI INTRODUZIONE

 

ALL’INGRESSO

Il Signore è la mia luce e la mia salvezza: di chi avrò timore? Il Signore difende la mia vita: di chi avrò paura?

ATTO PENITENZIALE

Sac. Fratelli carissimi, rinnovando la nostra speranza e il nostro totale affidamento al Signore, che rivela la sua gloria e la sua bontà nella creazione, apriamo il nostro spirito al pentimento e riconosciamoci bisognosi del suo perdono.

Sac. Tu che sostieni ogni cosa con la potenza della tua Parola: Kyrie, eléison.

Kyrie, eléison.

Sac. Tu che conosci e comprendi ogni nostra debolezza: Kyrie, eléison.

Kyrie, eléison.

Sac. Tu che ci dai il potere di diventare figli di Dio: Kyrie, eléison.

Kyrie, eléison.

Sac. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna.

Amen.

GLORIA

Gloria a Dio, nell’alto dei cieli, e pace in terra agli uomini di buona volontà. Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente. Signore, Figlio Unigenito, Gesù Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del padre; tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi; tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Perché tu solo il Santo, tu solo il Signore, tu solo l’Altissimo, Gesù Cristo, con lo Spirito Santo; nella gloria di Dio Padre. Amen.

ALL’INIZIO DELL’ASSEMBLEA LITURGICA

Concedi, o Dio, ai tuoi figli la salute e la serenità dello spirito, infondi nei cuori il disgusto per ogni forma di male e il desiderio ardente del bene; fa’ che la nostra vita si adorni di opere giuste, meritando così di essere da te benedetta e sempre difesa dalla tua grazia. Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

LITURGIA DELLA PAROLA

LETTURA (Sir 18, 1-2. 4-9a. 10-13)

Lettura del libro del Siracide.

Colui che vive in eterno ha creato l’intero universo. Il Signore soltanto è riconosciuto giusto. A nessuno è possibile svelare le sue opere e chi può esplorare le sue grandezze? La potenza della sua maestà chi potrà misurarla? Chi riuscirà a narrare le sue misericordie? Non c’è nulla da togliere e nulla da aggiungere, non è possibile scoprire le meraviglie del Signore. Quando l’uomo ha finito, allora comincia, quando si ferma, allora rimane perplesso. Che cos’è l’uomo? A che cosa può servire? Qual è il suo bene e qual è il suo male? Quanto al numero dei giorni dell’uomo, cento anni sono già molti. Come una goccia d’acqua nel mare e un granello di sabbia, così questi pochi anni in un giorno dell’eternità. Per questo il Signore è paziente verso di loro ed effonde su di loro la sua misericordia. Vede e sa che la loro sorte è penosa,

perciò abbonda nel perdono. La misericordia dell’uomo riguarda il suo prossimo, la misericordia del Signore ogni essere vivente.

Parola di Dio.

Rendiamo grazie a Dio.

SALMO Sal 135 (136)

Rendete grazie al Signore, il suo amore è per sempre.

Rendete grazie al Dio degli dèi, perché il suo amore è per sempre. Rendete grazie al Signore dei signori, perché il suo amore è per sempre. Lui solo ha compiuto grandi meraviglie, perché il suo amore è per sempre. R.

Ha creato i cieli con sapienza, perché il suo amore è per sempre. Ha disteso la terra sulle acque, perché il suo amore è per sempre. Ha fatto le grandi luci: perché il suo amore è per sempre. R.

Il sole, per governare il giorno, perché il suo amore è per sempre. La luna e le stelle, per governare la notte, perché il suo amore è per sempre. R.

EPISTOLA Rm 8, 18-25

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani.

Fratelli, ritengo che le sofferenze del tempo presente non siano paragonabili alla gloria futura che sarà rivelata in noi. L’ardente aspettativa della creazione, infatti, è protesa verso la rivelazione dei figli di Dio. La creazione infatti è stata sottoposta alla caducità – non per sua volontà, ma per volontà di colui che l’ha sottoposta – nella speranza che anche la stessa creazione sarà liberata dalla schiavitù della corruzione per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio. Sappiamo infatti che tutta insieme la creazione geme e soffre le doglie del parto fino ad oggi. Non solo, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo. Nella speranza infatti siamo stati salvati. Ora, ciò che si spera, se è visto, non è più oggetto di speranza; infatti, ciò che uno già vede, come potrebbe sperarlo? Ma, se speriamo quello che non vediamo, lo attendiamo con perseveranza.

Parola di Dio.

Rendiamo grazie a Dio.

ACCLAMAZIONE AL VANGELO

Alleluia. Guardate gli uccelli del cielo, dice il Signore: non raccolgono nei granai; eppure, il Padre vostro celeste li nutre. Alleluia.

VANGELO (Mt 6, 25-33)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. Il Signore Gesù ammaestrava le folle dicendo: «Io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non séminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede? Non preoccupatevi dunque dicendo: “Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?”. Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta».

Parola del Signore.

Lode a te, o Cristo.

 

(Segue l’OMELIA)

DOPO IL VANGELO

Dio regna nel suo santuario. Egli, che ci raccoglie nella sua casa come figli uniti e concordi, darà forza e vigore al suo popolo.

 

PREGHIERA UNIVERSALE

Sac. Fratelli e sorelle, a Dio, che ha creato l’intero universo e tutto dispone secondo il suo disegno d’amore, eleviamo fiduciosi le nostre invocazioni.

 

Ascoltaci, Signore!

Per la Chiesa, perché, rinvigorita dalla parola di Gesù, promuova la ricerca e l’edificazione del regno di Dio, ti preghiamo. R.

 

Per i governanti, perché favoriscano il bene comune e la giustizia, mettendo a disposizione di tutti le risorse del creato, ti preghiamo. R.

Per noi, perché, nella bellezza dei doni della creazione, sappiamo riconoscere la presenza costante e premurosa del Signore, ti preghiamo. R.

A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA

Ascolta, o Dio che tutto puoi, le nostre suppliche e concedi benevolo il frutto della tua consueta misericordia a tutti coloro che inviti a confidare nel tuo amore di padre. Per Cristo nostro Signore. Amen.

LITURGIA EUCARISTICA

PROFESSIONE DI FEDE

Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore, Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre; per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo, e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto. Il terzo giorno è risuscitato, secondo le Scritture, è salito al cielo, siede alla destra del Padre. E di nuovo verrà, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo Battesimo per il perdono dei peccati. Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen!

 

SUI DONI

La tua azione santificatrice, o Dio vivo e vero, discenda sulle nostre offerte, e la partecipazione ai divini misteri ci asterga da ogni contagio di male e ci conduca al dono della vita eterna. Per Cristo nostro Signore. Amen.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre, qui e in ogni luogo, a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno. Tu hai tanto amato il mondo e tanta pietà hai provato per noi, da mandare il tuo Unigenito come redentore a condividere interamente la nostra vita, tranne che nel peccato. Così nel tuo Figlio fatto uomo ci hai amato tutti con un amore nuovo e più alto e nella sua obbedienza a questo disegno di grazia ci hai ridonato la primitiva ricchezza che nella disobbedienza della colpa era andata perduta. Per questa misericordia che ci ha salvato cantiamo la nostra gioia e, uniti ai cori degli angeli e dei santi, eleviamo l’inno di riconoscenza e di lode:

Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo. I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell’alto dei cieli. Benedetto colui che viene nel nome del Signore. Osanna nell’alto dei cieli.

ANAMNESI

Mistero della fede.

Annunziamo la tua morte Signore, proclamiamo la tua risurrezione, nell’attesa della tua venuta.

 

ALLO SPEZZARE DEL PANE

Padre santo, conserva nel tuo nome coloro che mi hai dato: che siano una cosa sola come noi lo siamo.

 

PADRE NOSTRO

Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male.

Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni, e con l’aiuto della tua misericordia vivremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo.

Tuo è il regno, tua la potenza e la gloria nei secoli.

Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace”, non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della tua Chiesa, e donale unità e pace secondo la tua volontà. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Amen.

La pace e la comunione del Signore nostro Gesù Cristo siano sempre con voi.

E con il tuo spirito.

Ecco l’Agnello di Dio, ecco colui che toglie i peccati del mondo. Beati gli invitati alla cena dell’Agnello.

O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma di’ soltanto una parola e io sarò salvato.

ALLA COMUNIONE

Gli angeli circondano adoranti l’altare e i sacerdoti consacrano il corpo e il sangue di Cristo, cantando gioiosi: «Gloria a Dio nell’alto dei cieli».

 

DOPO LA COMUNIONE

Preghiamo.

O Padre, che generosamente ci hai saziato col pane della salvezza, libera il nostro cuore da ogni nascosta ombra di colpa e difendici dalle insidie di ogni avverso potere. Per Cristo nostro Signore. Amen.

RITI DI CONCLUSIONE

 

Il Signore sia con voi.

E con il tuo Spirito.

Kyrie, eleison.

Kyrie, eleison.

Kyrie, eleison.

Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. Amen.

Andiamo in pace.

Nel nome di Cristo.

3rd Sunday after Pentecost – Year C – Ambrosian Rite

 

INTRODUCTORY RITES

 

Processional Hymn

In the name of the Father, and of the Son, and of the + Holy Spirit.

Amen.

The grace of our Lord Jesus Christ and the love of God and the fellowship of the Holy Spirit be with you all.

And with your spirit.

PENITENTIAL RITE

My brothers and sisters, to prepare ourselves to celebrate the sacred mysteries, let us call to mind our sins:

 

You are our peace. Kyrie, eleison.

All: Kyrie, eleison.

You are our Passover. Kyrie, eleison.

All: Kyrie, eleison.

You are our life. Kyrie, eleison.

All: Kyrie, eleison.

May almighty God have mercy on us, forgive us our sins, and bring us to everlasting life. Amen.

GLORIA

Glory to God in the highest, and on earth peace to people of good will. We praise you, we bless you, we adore you, we glorify you, we give you thanks for your great glory, Lord God, heavenly King, O God, almighty Father. Lord Jesus Christ, Only Begotten Son, Lord God, Lamb of God, Son of the Father, you take away the sins of the world, have mercy on us; you take away the sins of the world, receive our prayer; you are seated at the right hand of the Father, have mercy on us. For you alone are the Holy One, you alone are the Lord, you alone are the Most High, Jesus Christ, with the Holy Spirit, in the glory of God the Father. Amen

COLLECT

O God, who through the grace of adoption chose us to be children of light, grant, we pray, that we may not be wrapped in the darkness of error but always be seen to stand in the bright light of truth. Through our Lord Jesus Christ, your Son, who lives and reigns with you in the unity of the Holy Spirit, God, for ever and ever. Amen.

LITURGY OF THE WORD

READING

A reading of the book of Genesis (3:1-20)

In those days, The snake was the most cunning of all the wild animals that the Lord God had made. He asked the woman, «Did God really say, ‘You shall not eat from any of the trees in the garden?’» The woman answered the snake: «We may eat of the fruit of the trees in the garden; it is only about the fruit of the tree in the middle of the garden that God said, ‘You shall not eat it or even touch it, or else you will die.’» But the snake said to the woman: «You certainly will not die! God knows well that when you eat of it your eyes will be opened and you will be like gods, who know good and evil.» The woman saw that the tree was good for food and pleasing to the eyes, and the tree was desirable for gaining wisdom. So she took some of its fruit and ate it; and she also gave some to her husband, who was with her, and he ate it. Then the eyes of both of them were opened, and they knew that they were naked; so they sewed fig leaves together and made loincloths for themselves. When they heard the sound of the Lord God walking about in the garden at the breezy time of the day, the man and his wife hid themselves from the Lord God among the trees of the garden. The Lord God then called to the man and asked him: «Where are you?» He answered, «I heard you in the garden; but I was afraid, because I was naked, so I hid.» Then God asked: «Who told you that you were naked? Have you eaten from the tree of which I had forbidden you to eat?» The man replied, «The woman whom you put here with me – she gave me fruit from the tree, so I ate it.» The Lord God then asked the woman: «What is this you have done?» The woman answered, «The snake tricked me, so I ate it.» Then the Lord God said to the snake: «Because you have done this, cursed are you among all the animals, tame or wild; on your belly you shall crawl, and dust you shall eat all the days of your life. I will put enmity between you and the woman, and between your offspring and hers; they will strike at your head, while you strike at their heel.» To the woman he said: «I will intensify your toil in childbearing; in pain you shall bring forth children. Yet your urge shall be for your husband, and he shall rule over you.» To the man he said: «Because you listened to your wife and ate from the tree about which I commanded you, ‘You shall not eat from it,’ cursed is the ground because of you! In toil you shall eat its yield all the days of your life. Thorns and thistles it shall bear for you, and you shall eat the grass of the field. By the sweat of your brow you shall eat bread, until you return to the ground, from which you were taken; or you are dust, and to dust you shall return.» The man gave his wife the name «Eve,» because she was the mother of all the living.

The word of God

Thanks be to God.

RESPONSORIAL PSALM Ps 129

The Lord is goodness and mercy.

Out of the depths I call to you, Lord; Lord, hear my cry! May your ears be attentive to my cry for mercy. R.

If you, Lord, keep account of sins, Lord, who can stand? But with you is forgiveness and so you are revered. R.

I wait for the Lord, my soul waits and I hope for his word. My soul looks for the Lord more than sentinels for daybreak. R.

 

EPISTLE

The letter of saint Paul to the Romans (5:18-21)

Brothers: Just as through one transgression condemnation came upon all, so through one righteous act acquittal and life came to all. For just as through the disobedience of one person the many were made sinners, so through the obedience of one the many will be made righteous. The law entered in so that transgression might increase but, where sin increased, grace overflowed all the more, so that, as sin reigned in death, grace also might reign through justification for eternal life through Jesus Christ our Lord.

The word of God

Thanks be to God.

GOSPEL ACCLAMATION

Alleluia. Blessed is she who believed that what was spoken to her by the Lord would be fulfilled. Alleluia.

 

GOSPEL

A reading of the holy gospel according to Matthew (1:20b-24b)

In that time, The angel of the Lord appeared to Joseph in a dream and said, «Joseph, son of David, do not be afraid to take Mary your wife into your home. For it is through the holy Spirit that this child has been conceived in her. She will bear a son and you are to name him Jesus, because he will save his people from their sins.» All this took place to fulfill what the Lord had said through the prophet: «Behold, the virgin shall be with child and bear a son, and they shall name him Emmanuel,» which means «God is with us.» When Joseph awoke, he did as the angel of the Lord had commanded him.

The Gospel of the Lord.

Praise to you, Lord Jesus Christ.

 

(the HOMILY follows)

PRAYER OF THE FAITHFUL

Reader: Lord hear us.

All: LORD, GRACIOUSLY HEAR US.

Reader: We all pray together to our Mother

Hail Mary, Full of Grace, the Lord is with thee. Blessed art thou among women, and blessed is the fruit of thy womb, Jesus. Holy Mary, Mother of God, pray for us sinners now and at the hour of death. Amen

LITURGY OF THE EUCHARIST

 

(all exchange a sing of peace)

PREPARATION OF THE GIFTS

Offertory Song

(…)

My brothers, called to take part in the same bread and the same chalice, let us confess our faith in communion with the whole catholic Church.

THE PROFESSION OF FAITH

I believe in one God, the Father almighty, maker of heaven and earth, of all things visible and invisible. I believe in one Lord Jesus Christ, the Only Begotten Son of God, born of the Father before all ages. God from God, Light from Light, true God from true God, begotten, not made, consubstantial with the Father; through him all things were made. For us men and for our salvation he came down from heaven, and by the Holy Spirit was incarnate of the Virgin Mary, and became man. For our sake he was crucified under Pontius Pilate, he suffered death and was buried, and rose again on the third day in accordance with the Scriptures. He ascended into heaven and is seated at the right hand of the Father. He will come again in glory to judge the living and the dead and his kingdom will have no end. I believe in the Holy Spirit, the Lord, the giver of life, who proceeds from the Father and the Son, who with the Father and the Son is adored and glorified, who has spoken through the prophets. I believe in one, holy, catholic and apostolic Church. I confess one Baptism for the forgiveness of sins and I look forward to the resurrection of the dead and the life of the world to come. Amen!

PRAYER OVER THE GIFTS

O God, who graciously accomplish the effects of your mysteries, grant, we pray, that the deeds by which we serve you may be worthy of your sacred gifts. Through Christ our Lord. Amen.

EUCHARISTIC PRAYER

The Lord be with you.

And with your spirit.

Lift up your hearts.

We lift them up to the Lord.

Let us give thanks to the Lord our God.

It is right and just.

(…)

And so we join the angels and the saints in proclaiming your glory as we sing(say):

Holy, holy, holy Lord. God of power and might. Heaven and earth are full of your glory. Hosanna in the highest. Blessed is he who comes in the name of the Lord. Hosanna in the highest

(remain standing for the CONSECRATION)

(…)

Let us proclaim the mystery of faith.

Christ has died, Christ has risen, Christ will come again.

(…)

Through him, with him, in him, in the unity of the Holy Spirit, all glory and honour is yours, almighty Father, for ever and ever.

Amen.

(The priest takes the host and breaks it over the chalice. He places a small piece of the host in the chalice. Meanwhile the following verse is read.)

You set a table before me, O God of love; my cup overflows.

RITE OF COMMUNION

Let us pray with confidence to the Father in the words our Saviour gave us:

Our Father, who art in heaven, hallowed be thy name; Thy kingdom come; Thy will be done on earth as it is in heaven. Give us this day our daily bread; and forgive us our trespasses as we forgive those who trespass against us; and lead us not into temptation, but deliver us from evil.

Deliver us Lord, we pray, from every evil, graciously grant peace in our days, that by the help of your mercy, we may be always free from sin and safe from all distress, as we await the blessed hope and the coming of our Lord Jesus Christ.

For the kingdom, the power, and the glory are yours, now and for ever.

Lord Jesus Christ, you said to your apostles: “I leave you peace, my peace I give you”, look not on our sins, but on the faith of your Church, and grant us the peace and unity of your kingdom where you live for ever and ever.

Amen.

The Peace of the Lord be with you always.

And with your spirit.

Behold the Lamb of God, behold him who takes away the sins of the world. Blessed are those called to the Supper of the Lamb.

Lord, I am not worthy that you should enter under my roof, but only say the word and my soul shall be healed.

COMMUNION

Communion Songs

 

PRAYER AFTER COMMUNION

As this reception of your Holy Communion, O Lord, foreshadows the union of the faithful in you, so may it bring about unity in your Church. Through Christ our Lord. Amen.

 

CONCLUDING RITE

 

The Lord be with you.

And with your spirit.

Kyrie, eleison.

Kyrie, eleison.

Kyrie, eleison.

May almighty God bless you, the Father, and the Son, and the + Holy Spirit. Amen.

Let us go in peace.

In the name of Christ.

Recessional Hymn

III DOMENICA DOPO PENTECOSTE – Anno C – Rito Ambrosiano

RITI DI INTRODUZIONE

ALL’INGRESSO

Ogni epoca tramanda, o Dio, le tue opere e proclama le tue gesta mirabili. Dolce nella memoria resta il ricordo della tua bontà e l’esultanza per la tua giustizia.

ATTO PENITENZIALE

Sac. Fratelli carissimi, invitati a partecipare alla mensa della Parola e dell’Eucaristia, riconosciamo di essere peccatori e affidiamo il nostro sincero pentimento all’infinita misericordia del Signore.

Sac. Tu che conosci e comprendi la nostra debolezza: Kyrie, eléison.

Kyrie, eléison.

Sac. Tu che ti sei caricato dei nostri peccati e ti sei fatto obbediente fino alla morte: Kyrie, eléison.

Kyrie, eléison.

Sac. Tu che, risorto dai morti, sei nostra giustizia, santificazione e redenzione: Kyrie, eléison.

Kyrie, eléison.

Sac. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna.

Amen.

GLORIA

Gloria a Dio, nell’alto dei cieli, e pace in terra agli uomini di buona volontà. Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente. Signore, Figlio Unigenito, Gesù Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del padre; tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi; tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Perché tu solo il Santo, tu solo il Signore, tu solo l’Altissimo, Gesù Cristo, con lo Spirito Santo; nella gloria di Dio Padre. Amen.

ALL’INIZIO DELL’ASSEMBLEA LITURGICA

O Dio forte e misericordioso, tu solo puoi dare ai tuoi figli di servirti in modo lodevole e degno; fa’ che senza inciampi camminiamo verso i beni da te promessi. Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

LITURGIA DELLA PAROLA

LETTURA (Gn 3, 1-20)

Lettura del libro della Genesi.

In quei giorni. Il serpente era il più astuto di tutti gli animali selvatici che Dio aveva fatto e disse alla donna: «È vero che Dio ha detto: “Non dovete mangiare di alcun albero del giardino”?». Rispose la donna al serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: “Non dovete mangiarne e non lo dovete toccare, altrimenti morirete”». Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! Anzi, Dio sa che il giorno in cui voi ne mangiaste si aprirebbero i vostri occhi e sareste come Dio, conoscendo il bene e il male». Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradevole agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò. Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e conobbero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.

Poi udirono il rumore dei passi del Signore Dio che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno, e l’uomo, con sua moglie, si nascose dalla presenza del Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino. Ma il Signore Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?». Rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che sei nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?». Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato». Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato».

Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché hai fatto questo, maledetto tu fra tutto il bestiame e fra tutti gli animali selvatici! Sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia fra te e la donna, fra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno». Alla donna disse: «Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore partorirai figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ed egli ti dominerà».

All’uomo disse: «Poiché hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato: “Non devi mangiarne”, maledetto il suolo per causa tua! Con dolore ne trarrai il cibo per tutti i giorni della tua vita. Spine e cardi produrrà per te e mangerai l’erba dei campi. Con il sudore del tuo volto mangerai il pane, finché non ritornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere ritornerai!». L’uomo chiamò sua moglie Eva, perché ella fu la madre di tutti i viventi.

Parola di Dio.

Rendiamo grazie a Dio.

SALMO Sal 129 (130)

Il Signore è bontà e misericordia.

Dal profondo a te grido, o Signore; Signore, ascolta la mia voce. Siano i tuoi orecchi attenti alla voce della mia supplica. R.

Se consideri le colpe, Signore, Signore, chi ti può resistere? Ma con te è il perdono: così avremo il tuo timore. R.

Io spero, Signore. Spera l’anima mia, attendo la sua parola. L’anima mia è rivolta al Signore più che le sentinelle all’aurora. R.

EPISTOLA Rm 5, 18-21

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani.

Fratelli, come per la caduta di uno solo si è riversata su tutti gli uomini la condanna, così anche per l’opera giusta di uno solo si riversa su tutti gli uomini la giustificazione, che dà vita. Infatti, come per la disobbedienza di un solo uomo tutti sono stati costituiti peccatori, così anche per l’obbedienza di uno solo tutti saranno costituiti giusti.

La Legge poi sopravvenne perché abbondasse la caduta; ma dove abbondò il peccato, sovrabbondò la grazia. Di modo che, come regnò il peccato nella morte, così regni anche la grazia mediante la giustizia per la vita eterna, per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore.

Parola di Dio.

Rendiamo grazie a Dio.

ACCLAMAZIONE AL VANGELO

Alleluia. Beata colei che ha creduto nell’adempi-mento di ciò che il Signore le ha detto. Alleluia.

VANGELO (Mt 1, 20b-24b)

Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quel tempo. apparve in sogno a Giuseppe un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:

Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele, che significa Dio con noi. Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore.

Parola del Signore.

Lode a te, o Cristo.

(Segue l’OMELIA)

DOPO IL VANGELO

Una cosa ho chiesto al Signore, questa sola io cerco: abitare nella sua casa tutti i giorni della mia vita.

PREGHIERA UNIVERSALE

Sac. Fratelli e sorelle, nel dono del proprio Figlio, il Padre porta a compimento il suo disegno d’amore: eleviamo fiduciosi a lui le nostre implorazioni.

Ascoltaci, Signore.

Per il Papa, i vescovi, i sacerdoti e tutti i ministri del Vangelo, ti preghiamo. R.

Per l’umanità intera, bisognosa di pace, misericordia e giustizia, ti preghiamo. R.

Al termine dell’anno scolastico ti preghiamo, o Padre, per gli insegnanti, per gli alunni e le loro famiglie. Fà che gli insegnamenti dati e ricevuti portino frutti di vita buona secondo il Vangelo, ti preghiamo. R.

A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA

Tu che conosci il segreto dei cuori, o Dio vivo e santo, ascolta la supplica di chi fiducioso ti invoca; esaudisci i nostri desideri e donaci di arrivare con la tua grazia all’eredità del tuo regno. Per Cristo nostro Signore. Amen.

LITURGIA EUCARISTICA

PROFESSIONE DI FEDE

Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore, Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli: Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre; per mezzo di lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo, e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto. Il terzo giorno è risuscitato, secondo le Scritture, è salito al cielo, siede alla destra del Padre. E di nuovo verrà, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita, e procede dal Padre e dal Figlio. Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica. Professo un solo Battesimo per il perdono dei peccati. Aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen!

SUI DONI

O Dio, da te provengono questi doni e tu li accetti in segno del nostro religioso servizio; l’offerta che ascrivi a nostro merito ci ottenga il premio della gioia eterna. Per Cristo nostro Signore. Amen.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, esprimerti, Dio onnipotente e misericordioso, la nostra riconoscenza di figli e rinnovare fedelmente la memoria dell’opera compiuta per noi da Cristo Signore, mentre celebriamo il mistero del nostro riscatto. Egli ha spezzato le catene dell’antica oppressione, morendo ha distrutto la morte e con la sua risurrezione

ci ha chiamato a partecipare all’eredità della vita divina.

Per lui si allietano gli angeli e nell’eternità adorano la gloria del tuo volto; al loro canto concedi, o Padre, che si uniscano le nostre umili voci nell’inno di lode:

Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo. I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell’alto dei cieli. Benedetto colui che viene nel nome del Signore. Osanna nell’alto dei cieli.

ANAMNESI

Mistero della fede.

Annunziamo la tua morte Signore, proclamiamo la tua risurrezione, nell’attesa della tua venuta.

ALLO SPEZZARE DEL PANE

Mi hai preparato una mensa, o Dio d’amore, il mio calice trabocca di dolcezza.

PADRE NOSTRO

Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male.

Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni, e con l’aiuto della tua misericordia vivremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo.

Tuo è il regno, tua la potenza e la gloria nei secoli.

Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli: “Vi lascio la pace, vi do la mia pace”, non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della tua Chiesa, e donale unità e pace secondo la tua volontà. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Amen.

La pace e la comunione del Signore nostro Gesù Cristo siano sempre con voi.

E con il tuo spirito.

Ecco l’Agnello di Dio, ecco colui che toglie i peccati del mondo. Beati gli invitati alla cena dell’Agnello.

O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma di’ soltanto una parola e io sarò salvato.

ALLA COMUNIONE

Abbiamo riconosciuto il Figlio di Dio e abbiamo creduto all’amore che Dio ha per noi.

DOPO LA COMUNIONE

Preghiamo.

O Dio, che nutri e rinnovi i credenti alla mensa della parola e del Pane di vita, per questi doni di Cristo Signore da’ ai tuoi figli di crescere nella fede e di partecipare per sempre alla gioiosa esistenza del cielo, con lui che vive e regna nei secoli dei secoli. Amen.

RITI DI CONCLUSIONE

Il Signore sia con voi.

E con il tuo Spirito.

Kyrie, eleison.

Kyrie, eleison.

Kyrie, eleison.

Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. Amen.

Andiamo in pace.

Nel nome di Cristo.

Newsletter

Per restare aggiornato, iscriviti alla Newsletter.

    Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini dell’invio delle Newsletter.Privacy policy

    WhatsApp

    Per ricevere le comunicazioni della Chiesa del Carmine ed essere aggiornato, scrivici con WhatsApp.

    WHATSAPP

    Cliccando sul pulsante WhatsApp autorizzi la Chiesa del Carmine – Milano ad avere il tuo numero di telefono registrato sull’applicazione WhatsApp al fine di ricevere informazioni ed aggiornamenti in merito all’attività e agli eventi organizzati dal Titolare. Privacy policy